lunedì 21 gennaio 2008

Capitolo LXII: Quanto è facile perdersi nel freddo Pittsburgh


La storia che vi racconto brevemente ci è capitata Sabato sera quando con alcuni amici avremmo dovuto andare a mangiare in un ristorante con cucina tipica di New Orleans un poco fuori le nostre solite rotte. Con tre veicoli (cause diverse l'uso esagerato delle macchine) ci dirigiamo verso il fuori città ed io mi sento sicuro di quello che ho visto ed annotato da google maps: appena vedo main street devo girare a sinistra e al secondo isolato avremmo dovuto trovare il locale.
Gia particolare che di Main Street a Pittsburgh e circondario ce ne siano almeno 4 e particolare anche come il locale fosse aperto soltanto fino alle 9 pm.

Ad un certo punto ci troviamo in mezzo ad una zona industriale, buia, ciminiere, industrie, ferrovia ma di Main street non se ne vede neanche l'ombra. Andiamo avanti di qualche kilometro, indietro di qualche kilometro, consultiamo la mappa in macchina, cerchiamo di sorpassare ripetutamente con un balzo alla Kit la ferrovia altissima.....niente Main street è introvabile.
Ritornati a casa (non prima di una cena in una zona più conosciuta in un buon ristorante messicano) controlliamo e ci rendiamo conto che Main street era esattamente sotto di noi....ad un livello inferiore della realtà Pittsburghese.....sulla mappa mica sta cosa era chiara !!!!!

Torneremo la prossima volta provare sto caffè !


Un abbraccio
P.S. ieri abbiamo toccato i -15°C con un freddo assurdo anche se c'era il sole. Le foto che ne sono uscite sono non male però :)

7 commenti:

nonsisamai ha detto...

io odio la cucina cajun, quindi a me sarebbe andata bene pero' non mi sarebbe successo.
perche' finalmente ho l'amato gps, ma come facevo prima??! :)

Emanuele Cauda ha detto...

Nooooooooooooooooooooooooooooooooo il gps no.....non ce la faccio ad essere guidato da una saudente vocina femminile o da un irritante e sempre calma voce manageriale maschile. E' piu' forte di me....hehehehehe
Per quanto riguarda la cucina cajun, questo ristorante ha ricevuto da quei criticoni della rubrica locali-ristoranti di CityPaper (CP) il rate più alto ....sono curioso !

Emanuele Cauda ha detto...

suadente e non saudente ovviamente

Anonimo ha detto...

comunque un ristorante che chiude alle 9pm di sabato sera è veramente out the italy...

jack

Anonimo ha detto...

Hola, come procede il tutto ? A parte il freddo la vita "scorre lungo i bordi" ?
Saluti
Luis

Anja ha detto...

SOTTO???

mi spieghi meglio sta cosa?

Emanuele Cauda ha detto...

Anna.....beh sotto nel senso che le strade a Pittsburgh salgono, scendono sono su più livelli....e spesso capita che sotto di te, materialmente sotto ci sia un paesino, senza che tu te ne accorga. Blade runner è sempre più vicino !!
Saluti