lunedì 31 dicembre 2007

Capitolo LIX: fate il passo nel 2008 prima di noi


Mancano 6 minuti alla mezzanotte in Italia. Per noi invece è tardo pomeriggio e stiamo lavorando nel nostra cameretta studio. Spero di pubblicare questo velocissimo post prima che scattino le 24.00 da voi come sfida. Siamo tornati a Pittsburgh dopo una bellissima settimana in Italia.Presto daremo un resoconto. Abbiamo in caldo di già due interessanti argomenti per post futuri ma per ora ci stiamo riposando causa jetlag post viaggio etc etc.
Vi/Ci vogliamo augurare un 2008 bello almeno come il nostro 2007 ...siamo davvero contenti !!!
Ieri mattina davanti a casa nostra si è posato questo splendido falchetto per una decina di minuti e poi è volato via.....come il 2007 che è poi appena arrivato (365 giorni dopo tutto passano in un baleno)
a presto
un abbraccio


Lele e Fra

mercoledì 19 dicembre 2007

Capitolo LVIII: si torna....SANTA CLAUS GOT STUCK IN MY CHIMNEY

Andatevi a leggere questa canzone di Natale cantata dalla mitica Ella Fitzagerald ....
http://lyricsplayground.com/alpha/songs/xmas/santaclausgotstuckinmychimney.shtml

Qui le stanno ridando tutte queste canzoni, vecchie, nuove, rifatte, liftate (o liftinate che dir si voglia). Il clima natalizio condido ogni tanto con un po di neve che scende giù è piacevole...anche se un poco preconfezionato come le corse nei mall per l'ultimo regalo o l'ultimo biglietto di auguri.
Ma il mio post in realtà doveva riguardare altro: domani parto, si torna in Italia questa volta dopo solo tre mesi di distanza. Mi fa molto piacere, emozionato, Natale a casa . Stiamo bene qui ma sicuramente il Natale è bello a casa.
Questa volta non so quanti lo sapranno (quanti avranno ancora tempo di leggere il blog presi dalle mille cose del NAtale) o quanti riuscirò a vedere e a contattare.
Beh Luca inaugura casa quindi i cugini si vedono tutti Sabato sera.
Venerdì sera saremo in giro per festeggiare il compleanno di Fra in qualche tranquillo locale di Torino, una cosa veloce e tra amici.....se leggete, non sono riuscito a telefonarvi....fatelo voi e vi dico dove siamo dalle 20.00 alle ....beh quando crolliamo causa fuso orario.

un abbraccio forte.
Arrivo

Lele

mercoledì 12 dicembre 2007

Capitolo LVII: NYC



Siamo stati a NYC, New York city per tre giorni. E' stata senza ombra di dubbio una esperienza intensa: è una città dove sicuramente non puoi annoiarti (in tre giorni siamo stati solo a Manhattan) e trovi sempre qualcosa di diverso da fare, posti da vedere, gente di tutti i tipi, locali "avanti", musei bellissimi. Ovviamente il mio post non vuole essere una guida turistica e per questo motivo vi lascio qualche impressione personale, spunto preso qua e la.
1) Ho finalmente capito il senso della frase: " A NYC tutto va di fretta" ..è vero. La gente per strada correva (a parte in Central Park dove tutti fanno jogging in modo sfrenato) , si mangia in modo veloce ed efficiente, si chiama il taxi con un gesto della mano.

2) E' tutto competitivo.... nel giro di un isolato possono esserci almeno 4 botteghe di vestiario a prima vista uguali ma in realtà con peculiarità diverse. Se hai qualcosa di diverso da dire, mostrare, proporre vivi altrimenti scendi dal carro. E il tuo momento di popolarità (vale anche per le zone della città, per i teatri per gli artisti) può durare anche molto poco....quindi devi sfruttarlo al meglio per poi sopravvivere nei periodi di magra.Per chi è un turista come eravamo noi, tutto questo vuole dire essere nel paese dei balocchi, essere stupiti ad ogni angolo della strada.
3) E' una città multirazziale, mille città in una città soltanto (da Harlem, Little Italy, Chinatown, Manhattan, Brooklyn) ...molto più ovviamente che Pittsburgh: vedi distintamente il passaggio da una zona ad un altra soltanto attraversando la strada. Alcune sono molto sicure, altre un poco meno... ma molto affascinanti. Avere il tempo di perdersi per le vie della città è un piacere.
4 ...$) E' una città a forte componente ebrea...penso di aver visto solo Gerusalemme a questo livello. I segni della religione ebrea sono ovunque, in modo trasversale in ogni zona della città. E' una contaminazione capillare, profonda in questa città.

E poi provate i taxi....economico mezzo di trasporto... vi sembrerà di essere davvero in Bladerunner per la loro tecnologia e lasciatevi trasportare da chi davvero detiene il potere del trasporto in quella che giustamente viene definita Gotham City

venerdì 7 dicembre 2007

Capitolo LVI: Comunicazione di servizio


Volevamo far sapere a tutti coloro che tagliano l'erba, raccolgono foglie, seminano le nuove pantine, potano gli alberi, tagliano le siepi....beh insomma a tutti, che qui a Pittsburgh ci si rivede la prossima stagione. Chiudiamo per ovvie ragione documentate in foto. Per la squadra di beachvolley ci si rivede a Giugno 2008... Noi si va in letargo. Speriamo che gli amici Squirrel abbiano fatto scorte sufficienti per il lungo inverno.

lunedì 3 dicembre 2007

Capitolo LV: I Social Network

Allora trovandoci in una comunita' (Pittsburgh) multiculturale, multinazionale nel senso di internazionale, multi multi... fioccano sempre le richieste via mail di aggregarsi a qualche rete sociale. Tu crei il tuo profilo, trovi i tuoi amici che gia conoscevi prima dal vivo, vedi chi sono i loro amici e magari trovi che sono anche persone che conosci. Il concetto della rete, dei sei gradi di conoscenza per passare alle regole statistiche... un modo per rimanere in contatto con persone conosciute molto usato qui in America. Puoi ritrovare il tuo collega di college dopo anni solo mettendo nella ricerca che hai frequentato quel college in quell'annata.
Oltrettutto sto studiando un poco questi network perche' potrebbero tornare utili (Molte comunita' scientifiche lo usano gia') per un progettino che ho in mente. Oggi per esempio ho seguito una conferenza on line pagata dalla CDC su questo argomento.

BTW il colmo, l'estremo, l'esasperazione di questo concetto, non voluto dalla persone in questione (heehheehhe) ma forzato dal sistema del network in se,arriva ieri sera quando comodamente seduti ognuno alla propria scrivania mi arriva questa mail

Francesca said on Facebook that you two are engaged. We need you to confirm that you are, in fact, engaged to Francesca.

To confirm this relationship request, follow the link below:
http://wpop16.libero.it/cgi-bin/vlink.cgi?Id=N2EXCbv5OZ5Jj8or84Taqfz%2Bxuj9eSw9eRO7IaQYM1UT67hsb3a0nYITrip5zwes&Link=http%3A//www.facebook.com/n??????????

Thanks,
The Facebook Team


Ci siamo messi a ridere ovviamente a crepapelle !!!!!
Sorvolando sul concetto di engaged (fidanzati letteralmente) qui in America .... ma ricervere una mail del genere mi fa rimpiangere i bigliettini di carta che ci si mandava alla elementari per chiedere ad una "donna" se voleva "stare" con te.
Vecchi tempi

See you.

domenica 25 novembre 2007

Capitolo LIV: Thanksgiving and Black Friday


Ed abbiamo passato anche questa come esperienza. Siamo arrivati al Thanksgiving (non è una data precisa ma semplicemente il quarto giovedì di Novembre) festa che se la gioca negli Stati Uniti con Natale o semplicemente arriva prima.Il Thanksgiving ha radici antiche nella storia degli USA, direttamente dall' arrivo dei primi padri pellegrini: la storia più semplice narra di una festa fatta dai padri per ringraziare per il raccolto. Molto campestre. Attualmente è una festa che racchiude in se molti valori americani: quello del ringraziare le persone con le quali si lavora insieme per l'anno passato (lavoro di gruppo sempre)per i risultati ottenuti, festa in cui tutti si fermano per ricongiungersi con le proprie famiglie e non ultimo festa che apre la stagione degli acquisti fino a Natale e oltre.
Noi non abbiamo sentito esageratamente questa festa, anzi per nulla, se non per i 4 giorni a casa da lavoro a riposare e ricaricarsi: la sera ci siamo trovati con italiani, tedeschi, una scozzese e due gelide ragazzone ukraine per mangiare in compagnia mentre fuori cadevano timidi fiocchi di neve. Sicuramente più vicino all'attuale società americana è il giorno successivo, cioè il black Friday: non chiamato così per ricordare la strage di poveri tacchini ma perchè apre la stagione dei saldi. Si narrano storie, tutte vere, di persone che attendono l'apertura (4 della mattina) dei centri commerciali per accapparrarsi le migliori offerte, o le offerte solo per gli early birds (gli uccellini mattutini), calche tremende per risparmiare anche diverse centinaie di dollari per i regali natalizi. Ovviamente nel caso in cui non abbiate trovato quello che cercavate, beh ormai siete a fare shopping....quindi divertitevi !!! Questo è il credo.
Domani in ogni caso la tradizione vuole che inizi il Cyber Monday, giornata in cui si inizia la spesa online per Natale. Quindi se la connessione è un po' lenta....beh date la colpa a noi, non vi preoccupate.

lunedì 19 novembre 2007

Capitolo LIII: ma questi non imparano mai?

http://www.nytimes.com/2007/11/19/washington/19policy.html?_r=1&ref=todayspaper&oref=slogin

Non smettete di aggiungere commenti al post precedente (venghino venghino il circo è aperto) ma non ce la facevo a non mettere come post la notizia che vi apparirà aprendo il link in apertura.

Ed appena uscirà il film Lyons for Lambs correte a vederlo perchè praticamente lo sceneggiatore sta consigliando la politica estera del nostro amato cowboy.

Allibito

domenica 18 novembre 2007

Capitolo LII: cosa vuol dire carbone.

Fra mi ha appena dato questo notizia: in Ukraina sono morti almeno 63 minatori. Scatto sul sito dell'ansa e trovo

http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_65046994.html


I dispersi sono ancora 37 e sicuramente è stata una tragedia.Una nuova tragedia in una miniera di carbone a circa 1000 metri di profondità.Solo poche settimane fa ho seguito un corso sulle miniere di carbone che onestamente non ho ancora visitato. Era un corso che serviva a dare un infarinatura a noi novelli assunti dal NIOSH cosa volesse dire questo mondo, almeno a grandi linee: ormai ingegneri minerari ce ne sono pochi ed anche se molti di noi non avranno mai bisogno di andare in una miniera vera, è stato molto interessante capire qualcosa in più.
Iniziamo con il dire che l'energia elettrica di cui gli USA dispongono arriva per il 65% dall'estrazione del carbone. L'Unione Europea con l'idroelettrico e il nucleare probabilmente è un poco più in basso (spiace non avere qui il grafico, domani lo cerco in ufficio) ma non così tanto: questo per dire che estrarre carbone serve ad avere la luce accesa nelle nostre case un giorno su due circa. Chi ci pensa ormai ?
Le miniere sono progetti di ingegneria enormi, sono mondi che possono rimanere aperti per 20 anni almeno. Sono formaggi sotterranei (appunto anche 1000 metri di profondità) dove noi, poveri topolini, cerchiamo di creare tanti buchi come fosse un immenso gruviera. Sono formaggi che possono arrivare a superfici anche di 40 Km per 40 Km per un misera altezza di non più di qualche metro (provate a pensare il peso di 1000 metri di terreno sopra quel gruviera). I topolini (minatori) con potenti, costosissime apparecchiature, si parla di milioni di dollari, cercano di portare via carbone il più possibile, e poi far crollare il soffitto dietro di loro per evitare non più necessarie tensioni (gli architetti mi capiranno). Ci sono varie metodologie, ma quello che più importante è la sicurezza.
I minatori devono avere a che fare con problemi di particelle solide, soffitto che può cadere, condizioni di ossigeno, CO, che può crollare, sacche di metano o appunto grisù pericolose per esplosioni o incendi ( il carbone brucia...) infiltrazioni di acqua come spesso capita in USA, e apparecchiature enormi e potenti da manovrare velocemente e per 8 ore in spazi limitati.
Ripeto la sicurezza è un aspetto
, almeno negli USA, non solo prioritario ma considerato valore insindacabile, ma sicuramente gli incidenti sono da evitare ma possono succedere.
Il nostro lavoro (nel mio caso le pericolose emissioni di motori diesel) si basa appunto nel migliorare le condizioni di coloro che ci permettono di avere la luce in casa. Pensate domani non l'avessimo più !!

domenica 4 novembre 2007

Capitolo LI: nuova ricetta

Okay, Okay mi sono sentito in colpa per non avervi dato la ricetta segreta delle tagliatelle di mia nonna. E per farmi perdonare vi do la ricetta del risotto con fagioli di vercellese memoria torellesca che ho appena preparato.

Allora prendete dei fagioli e fateli bollire in una discreta quantità d'acqua per un 40 minuti.
A cottura avvenuta dividete l'acqua di cottura dei fagioli dai fagioli....userete quell'acqua com brodo per il riso.
Mettete 2 pugni di riso per persona più uno per la povera pentala e dopo aver fatto un buon soffrito iniziate la mezzora di passione per evitare che il riso attacchi alla pentola. Mettete nello stesso momento sia riso che fagioli gia bolliti e pian piano aggiuntete il brodo di prima.
Ovviamente io ho messo anche il poco di vino rosso della California che ieri sera Heike, una ragazza tedesca aveva portato, per dare quel tocco alcolico al risotto. Non male.
Evitare di aggiungere acqua negli ultimi 5 minuti e poi servire con abbondante grana grattucciato.

Buon appetito come sempre

Capitolo L: Shaked not stirred



Cari amici la questione con la quale vorrei aprire il post n. 50 mi pare di una drammaticità culturale enorme: il titolo, shaked not stirred, per molti è una frase culto del mitico 007 per chiedere un vodka martini. Presumo che tutti gli italiani abbiano sempre pensato al marchio Martini (http://www.martinierossi.it/martini/) ; bene il vodka martini, come ci è stato spiegato da americani, non è con il Martini (di cui non sapevano neanche l'esistenza) ma meglio è un generico cocktail a base di vermuth, gin e vodka con oliva ovviamente. Sicuramente i fratelli Martini Rossi hanno inventato il vermuth ma qui ci troviamo di fronte ad un brand che prende il significato di una cosa....ecco qualcuno che sa ci aiuti.
La questione del vodka martini è venuta fuori in una piacevole serata (la prima a casa nostra) in compagnia del gruppo degli arrampicatori (vedi post precendenti): avevo promesso a tutti loro una cena ed ogni promessa è debito. Beh diciamo che abbiamo azzardato tentando per la prima volta la preparazione di tagliatelle fatte in casa con la ricetta di Nonna Gina. (la foto testimonia di come ci abbiamo messo impegno ad impastare durante il sabato mattina). Non pensiamo minimamente di condividere con voi la ricetta, ma posso ammettere che le tagliatelle con il sugo di ragù, il mio ragù non quello di Fra (diverse vedute, ottimi risultati entrambi), sono state molto apprezzate.
Per chiudere il post non posso esimermi dal menzionare le serate di Halloween. Nessuna festa in maschera per noi, ma organizzazione da parte nostra di una bella caccia al tesoro in mezzo al parco sabato scorso con buona partecipazione (30 persone), sculture di zucche in giro per la casa testimoniate dalla foto e divertente processione di bimbi allegramente vestiti la serata del 31 Ottobre per le vie del quartiere.

trick or treat postumo a tutti

domenica 21 ottobre 2007

Capitolo IL: un po di vita di tutti i giorni


Cari miei, multi argomento questo post di www.scrollhill.blogspot.com (un po' di pubblicità ci sta anche bene...a gia è vero ...siete gia qui).
Iniziamo subito col dire che il foliage, cambio del colore delle fogle, in Pennsylvania è qualcosa di bellissimo, davvero spettacolare. Vi metto una foto qui allegata ma poi andate a vedervi le altre sulla mia pagina di flickr.
http://www.flickr.com/photos/23305851@N00/sets/72157602619728788/
Oggi facevamo un giro per lo Schenley Park (lo stesso che a febbraio era sommerso dalla neve e dal ghiaccio ed eravamo soltanto con una maglia di cotone !! Dicono sia ancora l'estate indiana). La prossima settimana con Halloween dovremmo anche noi ricevere le prime avvisaglie del tempo invernale ma per adesso ce la godiamo con l'autunno.
Ce la godiamo a tal punto che siamo andati in una bellissima riserva naturale del West Virginia chiamata Cooper Rock, http://www.coopersrockstateforest.com/index.html, a camminare (hiking) e ad arrampicare (climbing). Con noi avevamo Joe, amico americano, ed altri 5 amici e appassionati della montagna (Joe era l'unico americano faccio notare)
La giornata è stata molto bella e l'esperienza dell'arrampicata ha coinvolto tutti. Allego ovviamente le testimonianze fotografiche
http://www.flickr.com/photos/23305851@N00/sets/72157602619590566/
Per l'ultimo argomento meno faceto mi appello al vostro ricordo Disneyiano di Paperino che viene rincorso come sempre dai creditori: pensavo che roba strana. Beh qui in America la questione è reale e Disney semplicemente metteva in fumetto la vita di tutti i giorni. Gente che si fa una marea di debiti con tizio, caio e sempronio (oggi giorno con le carte di credito) e poi viene rincorsa dai creditori. Se vi siete stufati di essere perseguitati al telefono, via posta, via mail da chi vorrebbe avere soldi di ritorno, niente paura... ci sono agenzie che si occupano di questi scocciatori e si lasciano a cose ben più importanti come essere buoni consumatori. Che dite queste agenzie lo fanno gratis.....heheheheheeh

Squak

martedì 9 ottobre 2007

Capitolo XLVIII: It's Fall time....we hope



Beh penso che da domani potremo dire di essere entrati anche noi nell'autunno. Per questa notte sono previsti temporali, abbassamento della temperatura di 10°C, raffreddori, propoli relativa, maglioni che escono autonomamente dall'armadio, passaggio dall'aria condizionata al riscaldamento senza soluzione di continuità e....addio estate. Qui è durata un po troppo effettivamente e come penso abbiate saputo ne hanno fatto le spese anche i corridori della maratona di Chicago interrotta giustamente (c'è scappato il morto per il caldo). Caldo tropicale, afa, umido e magliettine. E dire che gli alberi lo sapevano gia che dovevano far cadere le loro foglie presentandoci questi colori stupendi (vedi foto). Beh in ogni caso da domani sarà effettivo.
Il lavoro procede per entrambi in modo proficuo e assiduo e la casa ne risente: siamo ancora con due sedie, senza connessione internet....ma ovviamente metto nelle condizioni Torello di cucinare (grazie Manumina). A dire il vero la mia pizza di ieri sera, gamberetti e formaggio tenero di capra, ha riscosso parecchi successi....
LA fame però ha ripreso il sopravvento e per questo motivo oggi mi sono trovato Fra sul divano (vedasi contributo foto) che si stava drogando con le patatine comprate impunemente senza che il decalogo della casa lo autorizzasse: a sto punto ho dovuto da vera massaia cercare di ottimizzare l'economia di casa reprimendo l'utilizzo del succo d'arancia...non so quanto dura !!! Per ora per il tropicana c'è il coprifuoco. Poi passerò agli yogurt fatti in casa.
Stasera ricordi antichi tra di noi e quindi mi è subito venuta la voglia di inserire le foto del mio viaggio a Torino su flickr: attendo quelle della macchina non digitale....vero ???
link
http://www.flickr.com/photos/23305851@N00/

P.S. nota ironica del collega George: ma perchè si chiama Fall (caduta) se le foglie volano verso l'alto per il vento ?

mercoledì 3 ottobre 2007

Capitolo XLVII: MDEC - Mining diesel emission council


Cari tutti devo ammettere che nella mia mente questo post avrebbe dovuto parlare di Canada e Toronto in particolare dove mi trovo in questo preciso istante. Sono allo Sheraton Hotel in una zona industriale e periferica di Toronto (sul lago Ontario) per partecipare ad una conferenza sulle emissioni dei motori diesel in ambito miniera. Avevo sperato di fare una visita alla città ma vista la distanza (almeno 40 minuti) e il tempo che trascorriamo per partecipare alla conferenza la cosa non sarà possibile. Poco male, ci verremo in un altro momento più tranquillo. Ed invece vi parlo della conferenza, interessante diversa dalle tante alle quali ho partecipato in passato. A questa conferenza partecipano industrie di engine "motori", industrie che studiano e producono filtri anti particolato, agenzie governative canadesi e americane (agenzie che si occupano di ricerca come la mia o agenzie che hanno il compito di emanare leggi e farle rispettare) e partecipano le miniere, aziende che queste leggi devono rispettarle. E le miniere mandano qui ing minerari ma anche persone non laureate che hanno il compito di migliorare l'ambiente miniera per la salute dei minatori e per non incorrere in severe penali. E tutti sono interessati ad ogni presentazione, le domande sono tante, non di cortesia (solo perchè nessuno chiede nulla come spesso capita), interessate, provocatorie alle agenzie che legiferano.
Sicuramente è più stancante una conferenza di questo genere perchè non puoi assentarti fisicamente o mentalmente, hai voglia di capire le novità e tornare a casa dopo aver imparato qualcosa di nuovo. E' bello, stimolante e impegnativo vedere gente della miniera che ti viene a chiedere a chi si debba affidare, come deve investire i propri soldi(soldi della proprietà), come ti presenti nei coffee break i suoi miglioramenti pratici, pratici, tangibili....sta gente si gioca il posto ed i minatori un cancro al polmone. Una persona ci ha intrattenuti per un ora spiegandoci quali sono gli obiettivi della sua miniera (lui è dipendente addetto all'air quality....ex minatore) per l'anno e quali passi sono gia stati fatti...eravamo tutti dopo 2 birre ma è andato avanti per un ora in modo lucido e appassionato. Beh vi devo ammettere fa venire voglia di lavorare per un fine, uno scopo, un obiettivo preciso...e rimani a lavorare in questo modo per 12 ore anche ad una conferenza.
L'avreste mai detto ?

domenica 23 settembre 2007

Capitolo XLVI: un dieci giorni molto intensi


Allora, piccola premessa: sono seduto in cucina a casa a Pittsburgh con Fra che lavora alla sua lezione di domani....sono tornato a casa, il viaggio di ritorno è stato buono, la prima serata in terra USA mi ha ricordato che siamo in periodo OktoberFest (LowerBrau !!!) e il jetlag si è sentito poco grazie alla dormitona della domenica. I dieci giorni in Italia sono stati sicuramente pieni di tante emozioni e dopo 9 mesi avevo una gran voglia di rivedere tutti voi: purtroppo non sono riuscito a vedere tutti, motivo per tornare a Natale (leccata). I ringraziamenti a questo punto sono d'obbligo e spero che nessuno si offenda per l'uso del suo nome. Grazie a Vally e Mamma per essermi venuti a prendere a Malpensa e avermi ricordato le reali dimensioni delle macchine e autostrade italiane nonchè dell'infinità della Piacenza-Torino.
Grazie a Mamma e Papà per avermi sopportato per una settimana, per prendervi cura della vendita di trappola (chi è interessato a comprare un furgone VW camperato completo del 83 me lo faccia sapere) e per avermi portato a Eataly, nonchè tutto le cose buone preparate.
Grazie ad Elisa per aver vinto il premio come primo messaggio italiano di bentornato.
Grazie a chi mi ha accompagnato nella pazzia del Jervis per la notte più lunga dell'anno: Luca "Morto" Rinella che doveva tornare presto, Marco "Gamberosse" Iozzo speriamo ci invii le riprese, Alex "Quanto costa il furgone" Ballor per aver proposto tardi gli scacchi, Marco "Casco segato in due" Scalzo per aver fatto compagnia al guidatore nella scalata all'alba, e a Gigi "sono quello della multipla" D'alessandro per aver organizzato il tutto. Ovviamente Texas Hold'em per tutti al ritorno. Grazie anche a Stefano "Falegname" Grosso per la telefonata da casa... non c'è l'ho fatta Ste....sorry.
Grazie a Paolo Enrica e Seba per la bella domenica insieme anche alle nonne ed Enrico. Seba ovviamente ha un futuro come giocatore di baseball. (vedi foto)

Grazie a Sabina e ad Aaaaaarooonn e al Mago per avermi reintrodotto in Hysylab al mondo della ricerca vicino al Poli: tanta "m...a" e compleanni.
Grazie agli amici dell'oratorio per la bella serata con un vero gelato italiano e non quelli americani e mi scuso con Enrico per aver quasi fatto cadere la sorpresa per Melany...capita in ritardo. Come non ringraziare il 4672 vecchio e nuovo e tutto il politecnico per la bella accoglienza: ricorderò sempre le trinette alla noci della mensa !! Il cibo negli USA sarà meno gramo.
Il pomeriggio con Chiara: grazie per la bella e lunga chiacchiera...e vedrai che tutto andrà per il meglio (mi spiace tu che leggi ...non si può sapere di più)
Grazie per la birra con Emily e il Mori (il suo Matteo è troppo bello....tutto la Vale)ricordo di vecchie pause al motore.
Hysytech è sempre un piacere venirvi a trovare: il bimbo (non Simone ...) ormai ha 18 anni....quando torno a Natale sarà sposato. Il caffè con Rebecca, sempre piacevole!
Marina, il poster del guardiano ha guadagnato un posto vicino alla porta... speriamo !!!

Marghe... spero che dopo aver fatto nuovamente 5 piani a piedi il Mac ti possa dare le tue belle soddisfazioni.

Cristhian...che bei momenti passati a cercare il Kleine ...nevvero ?
Luciana ... come sempre due chiacchiere sono molto belle e grazie per il regalo !
Vally , Trofarello non è male in ogni caso speriamo che Papà non abbia sempre la megane senza serbatoio.

a Brera con Boni e Gigi c'era un odore diverso....come dire.... antico ma soprattutto giovane. Grazie ragazzi. Ultimo un messaggio per Boni: alla dogana ho detto che un ragazzo Microsoft che alloggiava al Crowne Plaza di San Donato Milanese mi aveva messo un pacchetto in valigia. tranquillo neanche loro trovano l'albergo. Gigi ...svarionare in macchina alle 3.30, senza prezzo.
Grazie Lele

giovedì 6 settembre 2007

Capitolo XLV: Venerdì 14


Beh prima era ipotetizzata, poi era possibile, successivamente ufficiosa ed ora finalmente ufficiale...parlo della mia settimana in Italia. Come dice il titolo del posto sarò sul suolo italiano Venerdì 14 nel primo pomeriggio. Mi fermo una settimana esatta (riparto il sabato mattina successivo) in modo da sfruttare al massimo il tempo in italia, perdere meno giorni possibili di lavoro e non essere distrutto dopo al ritorno a Pittsburgh. Avremo tempo di vederci con tutti, di sentirci e io avrò tempo di riposare anche un poco. Francesca ovviamente non può venire causa le lezioni che deve tenere e al mio ritorno riceverà anche la sua parte di vestiti invernali ancora in Italia !!! Sono un poco emozionato dopo tanti mesi in America, più di otto ormai... sicuramente è un tempo relativamente breve ma sufficientemente lungo perchè mi siate mancati e perchè senta mie entrambe queste città. Dopotutto a parte la lingua (che ovviamente adesso posseggo) e qualche balordaggine americana si riesce a sopravvivere in questa gabbia di matti. Scrivetemi, fatevi sentire ... io cercherò di mettermi in contatto con tutti ma come potrete immaginare sarà una settimana pienotta anche se di vacanza. Stamattina alla radio ovviamente grande risalto alla scomparsa di Pavarotti .... ed io entrando a lavoro nel centro di ricerca alle 7.00 am non potevo non intonare in sua memoria ...All'alba vincerò !!!

A presto

Lele

lunedì 3 settembre 2007

Capitolo XLIV: PeaceMaker


Tenetevi forti amici miei, anche quelli che sono tornati dalle vacanze da poco, perchè Settembre sarà un mese caldo caldo per me, per voi spero e per il blog anche. Ho/abbiamo post in caldo del nostro forno a gas.
Come primo post mi piace segnalare questo sito internet, nonchè negozio presente sul suolo di Pittsburgh a SouthSide, nonchè progetto di un gruppo della CMU (Carnegie Mellon University) per la quale ha iniziato a lavorare Fra, nonchè interessante videogioco finalmente intelligente .
Il link del sito è http://www.peacemakergame.com/
E' un videogioco stile simcity (esiste ancora???) ma su fatti scottanti, reali come il mondo Israeliano/Palestinese. Come giocatore puoi decidere se essere il primo ministro Israeliano o il presidente Palestinese e cercare (vero scopo del gioco) di trovare la pace per i due popoli. Senza preconcetti, senza essere di parte, hanno usato semplicemente reali possibili reazioni dei due stati, del mondo intero, alle vostre azioni come giocatori. Molta storia presente in questo gioco, molta attualità, molta politica, ma soprattutto una questione ancora aperta e come vedrete non risolvibile in modo semplice.
Il gioco si può scaricare da internet in versione demo, si può comprare anche via internet ad un costo davvero modesto, 20 $.
Mi pare una cosa buona e sarebbe un utile mezzo per scuole, università, gruppi etc etc

Inshallah

Lele

giovedì 30 agosto 2007

Capitolo XLIII : Un caro saluto dal terzo Mondo

Cari miei qui nel terzo mondo, o come viene chiamata questa nazione Stati Uniti, siamo in questo momento un poco puzzolenti. E sì perchè è partito un tubo dell'acqua ieri sera in un quartiere vicino e perciò da oggi pomeriggio siamo senza acqua, molto probabilmente fino a domani mattina. Vi rendete conto qualcosa come 4 quartieri senza acqua per 14 ore o più ??? E nessuno che protesta ma semplicemente prendono d'assalto i supermercati.... dove in questo momento puoi trovare al massimo l'acqua con gusto alla pesca, ciclamino etc... Cosa ne dite di lavarsi i denti con l'acqua alla calendula ?
Noi siamo sbigottiti... e non è la prima volta.
Prima che arrivasse Fra a causa di un temporale il mio quartiere è rimasto senza luce per 20 ore, tanto la roba in frigo è piena di conservanti e mica va a male (meno male che non avevo nulla causa trasloco appena effettuato). Motivazione allora era un palo della luce divelto. A sì, dimenticavo qui i cavi della luce sono tutti esposti, nessuno interrato, e corrono su simpatici e preistorici pali di legno, di quelli che ricordo aver visto in Nigeria.
Ma come non bastasse le strade sono fatte per i loro trattori e fuoristrada e di essere piatte e senza tremende buche non se parla nemmeno.
Ed i cellulari mica possono prendere anche fuori città, sapete l'America è così grande che mica possono coprirla tutta con la rete tri-band.
Penso che parlare di terzo mondo sia un eufemismo....

Dimenticavo... sapete come si sono giustificati per i tubi dell'acqua: sapete Pittsburgh è una città vecchia, quindi è logico che ogni tanto qualche tubo parta... Romani fate attenzione allora, sai se tanto mi dà tanto

Un saluto a tutti e soprattutto a chi mi/ci ha fatto notare che in numerazione romana il quaranta si scriveva in modo diverso...

Un abbraccio puzzolente

Lele

mercoledì 22 agosto 2007

Capitolo XXXXII: E' il mondo dove trovi tutto anche quello che ti piace

Domenica eravamo ospiti di un ragazzo americano di circa 60 anni che da 30 anni affitta la sua casa a studenti e giovani lavoratori solo internazionali : David è il classico ex-sessantottino, radicale, no global etc etc americano. Persona coltissima, un po invasata, avvocato mi pare, lavora per una associazione in tutela dei consumatori.
Si discorreva con lui dei rifiuti e di come effettivamente in America la produzione di questi sia sconsiderata ed enorme: pensare gia solo che tutto quello che si trova nei numerosissimi supermercati e ipermercati diventa poi in gran parte (pensate solo alle confezioni) rifiuti fa rabbrividire. Ma poi gli americani sono sempre tentati dal comprare mobili in più, paccottiglia varia che al primo dei numerosi traslochi diventa oggetto da moving sale o rifiuto.
Detto questo però gli Stati Uniti sono anche pieni di sorprese: se date un occhiata alle lattine di Coca Cola vendute qua (non so in Europa e Italia) sul tappo troverete in quali stati potete portarle indietro come vuoto a rendere e ottenere credito ....assurdo.
Ma c'è di più e molto almeno a Pittsburgh. C'è la Coop che come nome mette gia felici (sei tu...chi può darti, chi può darti di più !!!) in un quartiere che si chiama East End: tralascio le considerazioni su cibo organico, detersivi a basso impatto ambientale, cibi senza glutine, ma quello che abbiamo trovato dentro sono soprattutto una marea di Dispenser.
Il concetto del dispenser è semplice e in Italia con i detersivi ci ha provato Allegrini con le botteghe di commercio equo e solidale con pochissima fortuna: qui alla Coop puoi arrivare portando i tuoi contenitori per uscirne con detersivo per i piatti, shampo, balsamo, detersivo per il bucato; ma poi ancora riso, riso basmati, pasta, cous cous, farina integrale, farina normale; ma poi ancora noci, arachidi, pinoli, pistacchi; ma poi ancora cereali per il mattino, polenta e spezie; ma poi ancora.....infinito !!!
E' stupendo, non paghi il contenitore con un certo risparmio (il peso netto che bella invenzione della terza elementare), non butti poi via il contenitore con un risparmio ecologico. In Italia inizierebbero con questioni di igiene, di pulizia di casini fiscali vari (diciamo che si trova difficile mettere un codice fiscale su un granello di cous cous) ....provi provi e non riuscirebbe. Ma mi dico: se a me va bene, piace, sono adulto da prendermi i miei rischi ad andare in posto del genere (pulitissimo) perchè qualcuno deve vietarmelo. Qui ci sono così tante scelte, dalla Coop a WalMart, che no ci badano in tanti.

Eccovi il link della Coop
http://www.eastendfoodcoop.com/index.html

Buon cous cous a tutti

venerdì 17 agosto 2007

Capitolo XXXXI: 100% naturale


Prima le rassicurazioni e poi tre chicche veloci.
Luca "il morto" Rinella sta bene, viene fatto dormire, mangiare, lavare e portato in giro a fare bisogni....il divano letto regalatoci dalla mitica Irene, ragazza greco-americana, e' veramente comodo e anche cool, con colori autentici anni 60.
Francesca "prof" Torello si sta preparando materialmente e psicologicamente a prendere in mano il suo corso alla CMU che iniziera' a fine Agosto. Ma di questo penso che vi fara' sapere lei quanto prima.
Le chicche:
1) Dopo aver accompagnato i due allo Strip per compere due giorni fa mi dirigevo a lavoro con un poco di fame da pranzo: mi fermo ad un Wendys (che mi dicono essere meglio delle due colline dorate) per un panino al pollo. Finito il panino leggo sul fondo del cartoccio classico dei fast food: abbiamo usato pollo naturale al 100%. Perche' senno quale ??
2) Abbiamo scoperto di non avere il citofono in appartamento e ci siamo chiesti se qualcuno viene a farci visita come facciamo a rispondere (per aprire il portone basta una rampa di scale): beh vado alla pulsantiera del citofono davanti al portone e premo il numero 2 (appartamento numero 2); beh non ci crederete per due volte mi suona il cellulare proprio mentre facevo questo complicato studio. Dopo 5 secondi, sono sempre un ing, capisco che il citofono e' collegato al mio cellulare e che in pratica diventa un telefono. Dobbiamo ancora scoprire come aprire la porta d'ingresso tramite cellulare, ma almeno sapremo anche sempre quando qualcuno vuole farci visita (anche se noi siamo in Italia !!!).

Have fun

Emanuele

lunedì 13 agosto 2007

Capitolo XXXX: la prima ispezione e' passata

Comunicato stampa:
La padrona di casa, Fra, e' arrivata fresca come una rosa Sabato sera alle ore 20.15 circa. Dopo una veloce ispezione della casa prima di crollare causa jetlag le impressioni sono state: bellissima, enorme, luminosa (effetto del jetlag erano le 1000 pm).
Dopo una dormita di quasi 10 ore sul materasso stile futon (non abbiamo ancora deciso quale sara' la camera principale e montare il letto per poi spostarlo non aveva senso) e con relativo mal di schiena (stasera si prende un decisione e si monta il letto) la casa e' rimasta stupenda enorme e luminosa e gia ben arredata ma abbiamo constatato quanto segue
1) Siamo senza gas ...vabbene qualche giorno ma vediamo di provvedere
2) Non e' un po' bassa come soffitti ?? O saranno le finestre che arrivano troppo in basso e la fanno sembrare bassa....
3) Certo che ci vuole un aspirapolvere senno qui si finisce male
4) Nella doccia gli appoggia shampo sono per rimbambiti (confermo): sono piccoli piccoli che puoi mettere solo i campioncini che freghi negli hotel.
5) Dovremmo provvedere a comprare i tappi per la vasca e il lavandino del bagno per evitare di perdere lenti a contatto (vabbe' usa e getta) e di usare il tallone del piede per fare un bagno. Ci domandiamo come si possa rabbinare i tappi del bagno. Feticisti.
6) Dovremmo provvedere a comprare i piani del frigorifero dal momento che per ora pare soltanto un immensa ghiacciaia semivuota.
7) le solette devono essere di legno perche' si sente assolutamente tutto il palazzo muoversi !!!

Detto questo siamo contenti. Il Morto ci porta la sua freschezza arrivando oggi pomeriggio e spero vivamente che Fra stia per lui lavando le lenzuola.
Vi lascio alla vostra settimana enigmistica in spiaggia a Riccione.
Baci Baci

lunedì 6 agosto 2007

Capitolo XXXIX: Per chi ancora non lo sapesse....:)



Beh diciamo che qualche fuga di notizie c'è gia stata in qualche modo. Diciamo che è un qualcosa che ho in questo blog tenuto nascosto un po scaramanticamente aspettando di avere un risposta definitiva; diciamo che ce lo siamo tenuti anche un poco per noi anche se abbiamo parlato con molti di voi.
Beh per farla breve siamo contenti di annunciarvi che Fra viene per un po di tempo a vivere a Pittsburgh. Ha trovato la possibilità di insegnare a due corsi di laurea alla CMU, Carnegie Mellon University, fino a fine Maggio e poi si vedrà !!! Siamo decisamente molto contenti ed emozionati. Decisamente le emozioni per la nuova avventura sua e nostra come vita insieme sono parecchie. Ci servono i vostri in bocca al lupo anche quando tornerete dalle vacanze.
Beh quindi il mio, beh diventa nostro, indirizzo non sarà più 5555 Hobart street apt 5 ma diventa 2036 Wendover street apt 2. Il CAP rimane sempre 15217 dal momento che il nuovo appartamento è a un tiro di schioppo dal vecchio. La zona mi piaceva, ci piaceva e quindi perchè non rimanerci....anche perchè senno avrei dovuto cambiare anche il nome del blog (non più scroll hill ...per chi ha seguito dall'inizio).
Avremmo voluto tenere noi l'attuale appartamento ma dopo una silenziosa (ovviamente) attività diplomatica con il sempre più simpatico roomate ho capito che non c'era trippa per gatti. Al chè...sentendo che me ne andavo il roomate è diventato subito malinconico e triste per la mia partenza (ma se non mi hai mai cagato di striscio) nonchè combinarmene qualcuna appena aveva trovato una nuova roomate asiatica...per la seria la coerenza !!!
Quindi ricapitolando tutto: Fra arriva.....bohhhh speriamo prima possibile.
Il morto arriva di sicuro il Agosto 13th
Il morto lo rimbarco una settimana dopo
Piatti che volano per il blog ve lo faremo sapere !!!
un abbraccio e buone vacanze a tutti.
Beh come anteprima che neanche Fra ancora ha eccovi una foto della nuova casa.....dovrebbe essere il salotto quando tutto sarà a posto. Luminoso !!
P.S La seconda foto invece è una della ultime cene in casa vecchia ben fatta: salsiccette, zucchini grigliati e riso basmati. Not so bad.

mercoledì 25 luglio 2007

Capitolo XXXVIII: Qui tutto è alla rovescia


Adesso ho la conferma. Qui negli Stati Uniti hanno tutto alla rovescia. Stasera ne ho avuto l'ultima e definitiva conferma.
Partiamo dalle macchine: hanno bestioni enormi, SUV spropositati neanche dovessero trasportare ogni giorno un mulo in fin di vita da Amaro Averna, i giovani hanno tutti i truck o pk con il telato dietro da veri ganzi e poi vanno piano come lumache, non si mettono mai in due file per evitare di passare davanti ad altri (creando così invece code tremende sopratuttto quando il primo deve aspettare per girare a sinistra) e via dicendo.
Ma quello che mi ha fatto decidere di scrivere il post è la coppa malù in questo momento nelle mie mani: avete presente la coppa bianca, coppa malu ...quelle cose porche che prendi al supermercato proprio la sera che fuori piove e fa un po fresco per godertela profondato nella poltrona. Quella che appena la apri il tuo tasso di glicemia salta di un piano .....bene. Qui ha un retrogusto salato porca zozza ....ne ho mangiate due per essere sicuro. Salato il finale in bocca, probabilmente per infinocchiarli con l'idea che non ingrassi.....
Ovviamente invece la pizza è dolce (chiedere conferma a chi è stato in America) perchè ai pizzaioli hanno detto che un pizzico di zucchero fa crescere meglio la pasta....beh questi per esagerare ne mettono che si sente il dolce mentre mangi i tuoi bei carciofini e prosciutto.
Sono davvero assurdi !!!

lunedì 23 luglio 2007

Capitolo XXXVII: La Gardini sa cosa e' youtube.com ??

Vi avevo detto che ero carico ed ecco qui un altro post.
Questa mattina ascoltavo NPR (che, come ha ricordato Chiara, e' una gran bella radio) e mi sento sta notizia: andate su youtube, mettete in linea la vostra videodomanda ad un candidato (o tutti) Democratici e osservate la risposta broadcasting o su CNN. C#$@o la modernita', l'assenza di domande stupide e banali come Vespa e soprattutto piu' le domande saranno originali, ma pertinenti e ficcanti passeranno.....quindi tutto bene.
Il link e' a pie di post...quindi potete andarlo a visitare.
Qui in America la politica e le presidenziali sono una cosa iniziata gia ora anche se le vere elezioni si terranno nell autunno 2008. Partono per tempo ....con la corsa per le primarie attualmente in atto (bel giro di parole). Ovviamente la politica e' uno di quegli argomenti che e' meglio non trattare se sei nuovo di un ambiente lavorativo, se sei straniero ...etc. Ed in effetti me ne sto zitto zitto anzi incuriosito da come si comportano i candidati. Beh devo dire che tutti i Democratici non se le mandano a dire a vicenda.....proprio sangue che corre. I repubblicani invece cercano di distanziarsi dall'attuale presidente senza pero' rinnegare quello che hanno fatto per 8 anni (sarebbe subito tacciato di ipocrisia). Ritengo che tra i candidati democratici sono favoriti Obama o la Clinton ....sempre che un paladino del global warming (Sapete chi e') non salti su a Gennaio che vuole correre per le primarie. Lo ipotizzano tutti qui.
Ma la domanda primaria invece e': la Gardini o Mastella saprebbero cosa e' youtube ???

http://www.youtube.com/debates


P.S. Chiara per tu, vostra, loro fortuna quel giorno ho fatto uno strappo quei pantaloni cosi' ampio che sono per ora rimasti in disparte....vedremo in futuro !!

domenica 22 luglio 2007

Capitolo XXXVI. In attesa degli arrivi




Vi penso tanto cari miei ma in Luglio il tempo è così fantasticamente caldo e soleggiato (poco umido rispetto a quello che mi aspettavo!!!) che spesso mi metto a pensare a voi e a scrivere il blog mentre sono in giro in bicicletta o mentre gioco a beachvolley o meno romanticamente mentre sto per farmi una nappa (italianizzazione dell inglese pennichella) durante il doppio turno in miniera. Mi fa strano pensare che siamo al 22 Luglio e vi starete chi più chi meno preparando alle vacanze, ad un bel viaggio o anche solo ad un po di riposo. Beh devo dire che tutto questo lo sento molto poco quest'anno e questo è dovuto a due fattori.
Il primo fattore è sicuramente legato alle mille novità che ancora si presentano giorno dopo giorno facendomi vivere in un lunghissimo viaggio di scoperta iniziato a Gennaio. Ormai sono 8 mesi quasi e non sono più il più giovane di Pittsburgh parlando di permanenza ormai da un pò. Ma ogni giorno è una vacanza ....
Il secondo motivo sicuramente culturare è legato concetto di ferie per gli americani. Sicuramente il periodo di Giugno Luglio Agosto Settembre è il più ambito per un pò di vacation ma la loro gestione delle vacanze è molto diversa dalla nostra: in Agosto ad esempio tutti i miei collleghi lavoreranno regolarmente cullati dalla loro aria condizionata in ufficio e dal dolce clima della miniera (98% umidità e 25 °C).
Magari poi si prendono una settimana in Settembre. Durante l'anno riesco ad accumulare 12 giorni di ferie più gli straordinari che vengono tramutati 1:1 in ferie....però tutto ciò pian piano tanto è che in questo momento ho 8 giorni di ferie + 3 giorni di ferie da straordinari....2 settimane in pratica.
Ma visto che sono in attesa di un pò di persone qui in arrivo da Torino penso che attenderò anche io per godermi qualche giorno di ferie. Sia per il morto che per Francesca il tempo stringe ....preparate la valigia. Per Fra diciamo che ci sono anche altre novità, qualcuno le sa gia.....ma vi vogliamo tenere tutti un poco sulla corda prima di spifferare tutto
Le foto che ho inserito le ho scattate allo Schenley Park durante la Vintage Car Race..una simpatica corsa di macchine con macchine d'epoca bellissime e tenute benissimo.
Attendete altri post domani e nei prossimi giorni ....sono carico !!!

martedì 10 luglio 2007

venerdì 6 luglio 2007

Capitolo XXXV: July 4th




E' arrivato anche il 4 luglio. Festa nazionale negli Stati Uniti, festa dell'indipendenza (presumo dagli sporchi inglesi bevitori di the e non del caffe' di Starbucks).


E' stata una giornata particolare. Beh la sera prima mi sono fatto un pollo al forno con le patatine che il Girarrosto Santa Rita mi invidierebbe con due bottigliette di cidro (chi ha diviso il pollo non beveva) e quindi sono andato a dormire presto ma stanco... La mattina mi sveglio verso le 12.00 e fuori era grigio, nuvolo, umido e tendeva allo storm (tempesta...sempre reale); meglio stare in casa in questi casi, sentire un po di gente in Italia (grande 500 a Torino...ma mica l'avranno fatto apposta a farlo il 4 Luglio la presentazione, sai per il mercato americano...sempre polemico eeeeee), mangiarsi pane mortadella e toma e preparare la famosa mousse al cioccolato.


Si' perche', nonostante la mia reticenza per il tempo brutto, la comunity aveva organizzato un pik nik allo Schenley park (gia teatro della mia festa di compleanno) in tardo pomeriggio (6 pm).


E qui pian piano ho capito il 4 Luglio americano: arrivo e il nostro gruppo sara' stato gia di 25 persone che facevano un mini BBQ, bevevano di nascosto un po di birra (vietato vietato ma il 4 Luglio si chiude un occhio) e avevano montato un tavolo con altro cibo. Poi il cielo si schiarisce, esce un po di sole, si gioca a frisby, arrivano le famiglie a popolare le colline del parco, si prende la chitarra, si fanno foto, si incotrano persone del quartiere....tutti ad attendere i fuochi d'artificio fatti a Downtown (vedi foto anche se schifosa): erano lontanissimi ma tutti in silenzio ad osservarli fino alla fine (noi facevamo esclamazioni tipo ....ooooooooo) e poi applauso di tutta la citta'. Finiti i fuochi si raccoglie la roba e si torna a casa in modo ordinato in fila con le macchine.


Beh mi hanno fatto un po' arrabbiare tutti contenti, sereni del loro 4 Luglio anche se in coda per tornare a casa (pensate dietro la Gran Madre a Torino a San Giovanni dopo i fuochi ....presente ??).


Per noi stranieri ovviamente emozioni diverse non cosi' forti, ma in ogni caso abbiamo vissuto questo stacco questa festa cosi' nazionalista che non si vive in Europa da quasi nessuna parte...niente da dire qui la nazione e' importante, e' la madre e nessuno gliela deve toccare; puoi insulare il loro presidente ma non la nazione...




a presto




Lele


sabato 30 giugno 2007

Capitolo XXXIV: Siamo arrivati al 34

Beh non potevo non sottolineare il numero 34 dell'attuale post... non mi par vero di aver scritto così tanto. Ma i mesi sono passati, l'inverno ha lasciato il posto alla Primavera e l'altra sera ci siamo scoperti andare in giro con sandali e pantaloncini corti... l'estate è arrivata anche qui. Niente romanticherie varie ma sicuramente il tempo fly (vola) e sono gia sei mesi in terra americana: ogni tanto un poco di malinconia viene quando stiamo tra italiani a bere una birra e ci rendiamo conto che nessuno attorno ci capisce ... siamo dall'altra parte dell'Oceano dopo tutto.
Ma è anche Sabato e questo vuole dire weekend e ci si sta preparando ad uno di quei weekend caldi di eventi mondani mica da ridere: ieri sera abbiamo iniziato ad andare sentire musica greca dal vivo in un club serbo ...come dire i popoli si mischiano ...divertente, particolare, piacevole diversivo ai pubbazzi americani.
Oggi si è dormito e poca colazione perchè in serie abbiamo un BBQ da un ragazzo americano (Chiara ...sì sì sì Chad Chad hehehehe) a pranzo e poi un farewell di una ragazza di Barcellona alla sera. In mezzo (esiste un intermezzo...ovvio) la nostra organizzatrice perfetta Julia, tedesca, ha proposto musica dal vivo in Walnut street (come fosse via Garibaldi) e poi salsa in tarda serata.... mi porteranno a casa con una carriola per la stanchezza.
Domani piscina e poi beach volley alle 4 pm tanto per rimanere in forma e perdere la pancetta che la vita sedentaria che facciamo potrebbe aver creato.
Credetemi devo rifiutare spesso a proposte perchè si accavallano....è tremendo; e poi tutto sono in strada, pik nik, BBQ (grigliata), party per assaporare questo caldo estivo che ci fa bene....
Inoltre da ieri sono dotato di una bici vecchissima e bellissima gentilmente donata dal mio collega George !!! Mitico

a presto ....venite a trovarmi

Lele

lunedì 18 giugno 2007

Capitolo XXXIII: Birthday 30 !!!















E gia....come si sarà capito è stato il mio compleanno, ma non uno qualunque....diciamo uno dei primi grandi 0 della vita....il numero 3.
Veramente particolare festeggiarlo negli Stati Uniti, lontano da voi, lontano da Fra, lontano da tutti....dall'Italia anche.
L'organizzazione dei festeggiamenti è iniziata una settimana prima con una mail da me inviata per la chiamata di un pick nick allo Schenley Park... ecco a voi la mail che ho inviato ...

Ok amici, friends, guys, amicos.
My birthday will be Thursday 14th June. But I will be probably all day long in the mine that day and so there is no way to have a decent party for one of the big 0 in my life.
The deal is: I would love to meet all of you Saturday 16th June in Schenley Park for a huge pic-nic. I know that in this period there are a bunch of parties, birthday, welcomes, farewells and so I 'm planning to enter in the Guinness with the longest pic-nic in the history of Pittsburgh.

I will be there around 11.30 in the morning till late afternoon (maybe 6 - 7 pm ???) in the pic-nic area near the oval ring (see the map for who has never been there); there will be a lot of music, guitar, radio, balls to play volleyball, soccer, juggler stuff, frisby, tricks ....feel free to bring with you what you would like (also food to share, light food, no BBQ, is welcome ...but not so much, it's summer!!) in order to spent some good time at the park. If you can enjoy only for 20 minutes, don't worry, I appreciate !!!

I hope this great Pittsburgh's weather will help us...

Of course I will miss some contact and maybe you would like to come with some friends...more we will be, better will be !!!

See you soon dude

Emanuele


I festeggiamenti sono iniziati però ovviamente il 14 Giugno. Dopo una giornata in miniera con la lieta notizia di due pizze da me cucinate (lieta notizia per i colleghi) mi sono catapultato in solitaria allo stadio dei Pirates, spendendo un poco di più per un posto ad un metro dai dog-out, dove ho potuto stringere la mano al signore nella foto...ai più bravi indovinare il nome (jack....spero in te).
Dopo la partita birra con amici in Shadyside e poi nanna presto.
Venerdì preparazione dopo lavoro di bunch of food (parecchio cibo) per il pick nick e Sabato un magnifico pick nick al sole e caldo di uno dei parchi più belli di Pittsburgh, lo Schenley Park: una festa davvero internazionale con tedeschi, cubani, malesi, americani, thailandesi e qualche italiano... veramente piacevole, divertente, con tanti scherzi, pallavolo, chitarra. Nella foto il piccolo gruppo che ha resistito fino alle 19.00 (inizio alle 11.00). Sera con balli scatenati di salsa e merenghe.
Per finire in bellezza non poteva mancare un poco di esercizio fisico ed allora ecco la Japanese comunity che ti organizza il mensile incontro di softball: un quattro ore con persone gentili, cordiali e sorridenti. Sportività, sport, momento tenero con i bimbi che provano a colpire la pallina (foto) e tanto movimento fisico. I giapponesi sono veramente delle persone sorridenti, su 30 persone nessuno che era bramoso di vincere ma solo vogliosi di stare insieme all'aria aperta e sorridere. Con tanto di inno nazionale e dichiarazione di lealtà prima della partita.
Tutto molto bello, non avrei potuto chiedere di più...beh il di più sono stati i mille modi con i quali mi avete inviato gli auguri.... mi hanno fatto un piacere enorme. (sviolinata ???)


Grazie

Lele.

P.S. per chi volesse ci sono molte foto su flickr che testimoniano il pick nick
http://www.flickr.com/photos/23305851@N00/

domenica 10 giugno 2007

Capitolo XXXII: Cultura complicata da interpretare

Vorrei ringraziare tutti quelli che mi hanno fatto sentire la loro vicinanza e anche quelli che ci hanno pensato. Grazie.
Il post arriva dopo la lettura domenicale del Pittsburgh Post Gazzette .
Premessa: in Pennsylvania la birra, il vino e l'alcol in generale sono una cosa seria e da marchiare quanto il demonio. Per farmi capire nei supermercati non trovate nulla di più alcolico dell'alcol per smacchiare e poi ci sono negozi per il Wine and Spirit (vino e alcolici) e negozi per la birra e cidro.
Questo per far passare la voglia di bere qualche birra se non nei pub e complicare la vita. E' legge.
Come è legge il divieto completo all'alcol prima dei 21 anni (età adulta): divieto di vendere alcol ai più giovani, di provvigionarli etc. Ovviamente divieto con conseguenze più alte ancora se i minorenni stanno guidando (possono guidare dall'età di 16 anni negli States).
Beh la notizia è questa: una coppia di genitori nella campagna della Pennsylvania decidono di cedere alla pressione del figlio appena diplomato e comprano per lui e per una ventina di amici birra per una festa in una casa di campagna dove erano presenti anche loro. I genitori appena arrivati gli invitati si fanno consegnare tutte le chiavi delle macchine per evitare che i giovani 17enni possano guidare a festa conclusa DUI, drive under influence. L'idea era quello di ospitarli tutti nella tenuta fino al giorno successivo.
Sono stati scoperti da una telefonata anonima ed ora stanno scontando 3 anni di prigione entrambi: la prima condanna era di 90 giorni ma poi è stata inasprita quando uno dei giovani invitati del figlio è morto dopo un incidente d'auto a causa del suo stato sotto gli effetti alcolici; tale incidente è avvenuto qualche mese dopo la famigerata festa. Come dire...è colpa vostra.
Lascio a voi ogni considerazione ma vi lascio un corollario: quando arrivano alla età adulta non vi potete immaginare come si combinano questi bravi ragazzi americani quando sono in un pub o in un locale. Non possono guidare...no problem affitto una limusine per tutti gli amici se me lo posso permettere.

Lele

domenica 3 giugno 2007

Capitolo XXXI: Aggiornamenti


Ciao a tutti, dopo un po di tempo mi decido a scrivere un nuovo post. C'ho pensato un poco prima di farlo perchè non ho più trovato tanti commenti ai miei post; ho pensato che magari non avevate più il tempo di leggere o magari la novità del blog è venuta meno. Ho pensato alle motivazioni che mi hanno spinto a creare il blog e perchè mi è sempre piaciuto scriverlo: penso che possano essere riassunte in due punti.
Mi è sempre piaciuto mettere carta (anche se virtuale) le sensazioni, gli avvenimenti o soltanto spunti e inoltre mi piace condividere con le persone vicine quello che di strano, divertente o normale accade. Così continuerò a scrivere con cadenza assolutamente casuale e se ci saranno poi commenti sarà un modo veramente speciale di sentire la vostra vicinanza anche se sono così lontano. Mi pare di essere più vicino a voi. (troppo uso della parola lontananza e vicinanza ma va bene così).
Oggi piove e fa un bel fresco dopo giorni di afa e gran caldo. La Pennsylvania è tutto un verde e boschi per grandi pic-nic e rafting e scampagnate e non avervi un poco pesa. Un momento di malinconia. Sono capitate tante cose dall'ultimo post: la visita dei miei genitori per una settimana (hanno invaso Pittsburgh in lungo e largo e sono diventati azionisti di minoranza di Starbucks), l'arrivo di un altro torinese di adozione Virginio che si prenderà cura di noi, chi lo conosce lo sa, i Pirates sono sempre scarsi e finalmente ho aggiustato un GCMS (per chi è familiare con la cosa). Ho visitato nuovamente Falling Water, autentica opera architettonica in mezzo ad una foresta (foto) e sto pensando di partecipare seriamente ad un evento nel Novembre 2007: quale evento non ve lo dico, dovrete scoprirlo, ma il blog è testimone che ci provo. Poi si vede. Vi abbraccio forte Lele

mercoledì 16 maggio 2007

Capitolo XXX: Verità in cucina (Truth in the kitchen)


Amici miei, ho fatto una scoperta assurda: Quello che c'è in frigo è destinato a sparire. Può sembrare banale, ma non lo è; e più di tutto sparisce quello che ti piace di più....non c'è mai !!!
Dove sono finite le arance tanto buone, dove sono finite le prime polpettine e la mousse al cioccolato fatta solo sabato ??? Anche il forno con le sue pizze e torte salate non è esente da colpe nel far sparire le cose. E poi invece ce ne sono alcune che si imboscano, rimangono nascoste (tipo il cavolo da fare come crauti rimasto una settimana nascostissimo o quel pezzo di aglio che trovi alla fine dello scompartimento della verdura).
Il frigo è un mondo in movimento, non è mai fermo e non parlo dello yogurt che sono tutti fermenti lattici vivi.
E poi nascono le storie sentimentali come tra il provolone e le fette di tacchino che decidono di andare a prendere qualcosa da mangiare in una piadina pita, oppure gli amati spinacini che a volte tradiscono il formaggio, compagno di vita, con il mais nella credenza....solo perchè è straniero.
Non puoi fermare questo mondo ma lo vedi passare come il tempo e come il tempo passato in cucina a preparare solo per te o per gli amici o per le persone care...tu e gli amici del frigo insieme !!

My friends, I discovered something really absurd: stuff in the fridge is destined to disapear. It can be something easy to notice but it's not: and mostly what do you like more disapear quicker...it's never there !!!

Where are you oranges so sweety, where are you meat balls and chocolate mousse made only this Saturday ?? Stuff disapears in the oven either ...something like pizza, kitsch lorraine...yes the oven is guilty too. While there are some other stuffs who hide themself (as the cabbage to make crauti hidden for a week or the little slice of garlic found in the dark side of the fridge).
The fridge is a nostop world, always running and I don't speak about yogurt with a bunch of lactic ferments.
And there a lot of love relationship are growing up, such as provolon and turkey slices who seldom decided to have a date in a piadina pita or the lovely baby spinachs betray the cheese with mais present in the cabinet....only because she is foreign.
You cannot stop this world just observe like the time and such as the time that you spend in the kitchen to cook for yourself or for your friends or for a special person...you with your fridge-friends.

Emanuele



lunedì 14 maggio 2007

Capitolo XXIX: la versione di Fra (Fra version)



Non è facile ripensare senza malinconia a un bel viaggio fatto insieme, quando si è di nuovo lontani…allora il tempo passa ed ecco che non avete ancora potuto leggere la mia versione dei fatti. In due parti: Chicago e (prima e dopo) Pittsburgh. Il Messico è un’altra storia, lì sono stata per lavoro. Però per questo a Pittsburgh non sono arrivata dall’Italia, ma via Houston, e con le code chilometriche ai controlli immigrazione ho pure perso l’aereo.

Finalmente il molto atteso suolo di Pittsburgh, e subito la prima sorpresa: caldo come in Messico! (l’emozione di rivedersi dopo tre mesi è ben altra cosa, ma quella ve la lascio immaginare) Praticamente tutti in brachette e canottiera. Insomma, i miei primi giorni sono stati molto vacanzieri e assolati, in giro per lo Schenley Park verde e fiorito, tra la gente sdraiata al sole e quella di corsa (corrono tutti, a qualsiasi ora anche sotto il sole e appena possibile a torso nudo…).

All’improvviso però il meteo (e il collega George) hanno cominciato a segnalare insistentemente il ritorno del freddo, ed è così che abbiamo visto Chicago: cielo azzurro ma aria di ghiaccio, come si conviene! Per me è stato un susseguirsi di emozioni: essere di nuovo on the road con Lele, ritrovare Olivia con il pancione, vedere i grattacieli più famosi del mondo dal vivo!!! E in più con una guida esperta…Eheh, Lele è stato trascinato in un vero tour di architettura! In cambio la gita a Wrigley Field di cui già sapete.

Al ritorno a Pittsburgh ci aspettava addirittura la neve. Clima adatto per chiudersi in un vecchio albergo chic del centro, per il congresso della Society of Architectural Historians, che per mia fortuna quest’anno era proprio a Pittsburgh. Ho preso qualche buon contatto, per cominciare…lo so che cosa vi state chiedendo, ma come Lele rispondo diplomaticamente: we will see…

State bene

Francesca

PS. Auguri Valeria! Quando passi a trovarmi?

PS2. Chiara, dove sei finita? Aspetto notizie del rientro!

domenica 13 maggio 2007

Capitolo XXVIII: at the PNC Park


Dopo essere stato due volte a vedere una partita di baseball al PNC Park posso tirare le prime conclusioni: lo spettacolo è spettacolo ed i Pirates sono davvero scarsi.
Allora la premessa, per chi non lo sapesse:per me andare a vedere una partita di baseball negli USA (come sarebbe stato a Cuba) è paragonabile come esperienza ad un giocatore di calcio statunitense che va a vedere ad un derby Milan- Inter a San Siro, Milano (Italia).
Pe r gli statunitensi è cultura, tradizione, spettacolo e show.
Entri allo stadio quando vuoi, anche mezzora dopo la partita, anche all'ultimo inning se vuoi fare lo sborrone ed esci quando vuoi. Da ogni postazione il campo lo vedi molto bene (non è come essere al terzo anello di San Siro e la palla la immigini) e c'è poi un mega schermo, davvero mega, per tutti i possibili replay. Il megaschermo serve anche per proiettare videoclip dei giocatori che devono andare in battuta, per riprendere gente qualunque tra le gradinate (stile Quelli che il calcio)...e qunidi tutti fanno i cretini per farsi riprendere, per intrattenere tra un inning e l'altro con domande sul baseball alla trivial, per mettere tutte le statistiche sui giocatori. E poi c'è sempre musica, di diverso tipo per ogni giocatore, ci sono i fuochi d'artificio e per Pittsburgh anche la bellezza di avere una visuale spettacolare sul fiume, sui suoi ponti e su Downtown con i suoi grattacieli. Se volete farvi una minima idea andata su flickr cho inserito un po di foto, poche per ora.
Passando ai Pirates, Bucks per gli amici, sono talmente scarsi che ieri sera stavano per offrire una nohit ad uno che tirava una dritta su 5 e tanta tanta merda; in difesa seconda base che perde la palla durante un doppio gioco, esterni che si tuffano a tre metri dalla palla, esterni che sbagliano il rimbalzo, lanciatori che prendono un back to back su due palle si seguito...come dire la piccola bottega degli errori. Per fortuna ci sono le altre squadre !!!


P.S. Ovviamente tanti auguri a Vally sorellona che oggi compie qualche anno in meno di trenta


I've been two times at the PNC Park for a baseball game and now I can start to write some first impressions: the show is real show and the Pirates are really bad.
In order to help who read understands , I have to explain that for me to attend at a baseball game in USA (may be the same in Cuba) is only comparable to an american soccer player who attend at a Milan - Inter at San Siro, Milan (Italy).

For american people, baseball is show, culture, tradition, USA itself ...the ball.
You are able to enter to the park whenever you want, to exit whenever you want, also to arrive for the last inning if you want to be really cool. It's possible to see the field from every site (the uppest stand in San Siro is different, you can only imagine the ball); They use a really huge screen for a lot of reply, to film common fans ( Quelli che il calcio style, as you know) ...and so everyone tries always to be filmed. They use the screen either to ask baseball questions (trivial way) , in order to write all the stats for each player and score for other games. There is always music, different for each player, always fireworks and in Pittsburgh also a beaufitul skyview with the river, bridges, skyscrapers. Let's enjoy some pictures in my flickr.

Speaking about Pirates, Bucks for "relatives".....they are so bad, bad, nuts, more the bad... that yesterday evening they were planning to donate a nohit to a pitcher who was throwing one fastball each 5 pitches and a lot of shits; a second base who fall a ball during a double play, a left fielder that try to catch a ball diving some meters far and then miss a ground ball, a pitcher who got a back to back with two pitches......how I can say....little shop of orrors. But I'm lucky...two teams need for a game !!!

P.S. Of course Happy birthday to Vally, great sister....today she is something less than 30 y/o.

lunedì 7 maggio 2007

Capitolo XXVII: Okey dokey

The time is come. Even if it seems to be impossible, too early, too crazy, I decided to write my future posts both in Italian and English. I suppose my ex collegues’ faces about my Italian-american-english, maybe my real english-on the field-teacher Veronica “workhard” Giove will be sad reading my poor progresses... but how they use to say here in US: who really cares...surf the wave dude !!!

I decided to do this change (actually it is not a real change but just an inprovment for www.scrollhill.blogspot.com) some days ago speaking with one of my guru here in Pittsburgh: the great Balazs Gyenis who was ansious to read the past posts. I hope either, and this is an invitation for Balazs, that my guru will send me enough material from his trip this summer around Russia and China by train to insert in the blog!!!

I apologize to who reading will ask “ Is this guy really in US or only in Moncalieri (Moncalieri is a little city close to my Turin...just 3 miles). ??? “ ...it will be a big deal, it will be a big challenge, it would help me to feel more confortable to write “easy” english (I’m not sure....maybe some german, spanish, hungarian guys will learn my italian-english).

Please don’t complain me but just enjoy the blog !!!

Time in order to write this post : 20 minutes !!!

P.S. I will train with the last two posts ...just to see if I can....of course I can try!!!


domenica 6 maggio 2007

Capitolo XXVI: per la serie ogni stat ha vita a se !!!


Cari miei come qualcuno saprà qui in America vivono per le statistiche: famose per noi giocatori di baseball tutte le statistiche di attacco e difesa; statistiche per la probabilità di pioggia ora dopo ora, statistiche per le scuole migliori, per le università più fighe, per i centri ospedalieri migliori. Se sei in alto alla graduatoria sei un grande, altrimenti sei un nessuno.
Ecco Pittsburgh è risultata la miglior città americana, almeno la più vivibile del 2007, secondo una recente statistica di Placerated Almanac: in pratica un almanacco per trovare il posto più vivibile dove insediarsi. Pittsburgh ha battuto posti come SF, come Boston come la pescivendola Seattle....tutti in riga. E come dire mi sono sentito orgoglioso. Per dare un occhiata andate al
http://www.placesrated.com/
C'è poca roba, anzi nulla e ti chiedi quali erano i parametri della statistica.
Se non che ti esce una seconda statistica due settimane dopo dalla quale si evince che Pittsburgh è una delle città americane con più soot (particolato carbonioso indispensabile per un bel cancro al polmone) nell'aria: la ricerca è stata fatta da American Lung Association's su una base tra il 2003-2005
Qui un link con la notizia
http://www.enn.com/today.html?id=12686
Di per se le cose strane sono due: a Pittsburgh non ci sono più industrie del carbone da anni, il riscaldamento è uguale come in altre città americane e l'utilizzo delle auto con motore diesel è ridotto al lumicino rispetto all'europa...quindi come cavolo fa ad esserci soot.
Detto questo la cosa che più sconvolge è sapere che esistono attualmente due statistiche con responsi contrapposti per la città dove vivo...è inquietante non pensate ??

Ultima notizia viene data dalla foto che trovate allegata...sono stato al PNC Park a vedere i Pirates contro i Cubs: lo spettacolo durante la partita è carino con eventi collaterali ma i Bucks come li chiamano qui sono davvero dei pivelli, tamarri con i pantaloni bassi bassi; Per farvi capire sono arrivati ad inizio 7 con un punteggio di 6-2 fatto di bunt, rubate e errori difensivi avversari che neanche mangiamusche poteva immaginare e poi appena si mette a piovere sono riusciti a farsi rimontare fino al 6-7 con 2 homeruns di seguito. That's it

Lele

P.S. se me la sento dopo inizio a tradurre il post in inglese per i tanti amici che qui mi chiedono di farlo per leggere le mie avventure: non ridete per il mio inglese da 5 mesi !!!



The last news is about baseball...I’ve been at the PNC Park to attend to Pirates vs Cubs: the show is awesome during the game but Bucks are definitly nuts: in order to let you understand they were on the 7th winning 6-2 with bunts, stolen bases and errors ….then the rain and they got two homeruns (back to back) till to 6-7. That’s is ...what I can say !!!

Lele

sabato 28 aprile 2007

Capitolo XXV: Chiara's farewell


Stavo pensando ad un farewell, penso di averne vissuti molto pochi finora. Farewell significa addio, adios "Buon viaggio hermano querido e buon cammino ovunque tu vada, forse un giorno potremmo incontrarci di nuovo lungo la strada". Non vuol dire addio del tutto ma semplicemente che finisce un pezzo di vita con una persona amica perchè si parte lontani.

Con Chiara è un farewell vero e proprio: lei torna a Roma a vivere, a finire un dottorato ed inizia una vita di coppia. E' stata una della prime persone incontrate a Pittsburgh e con la quale fare gruppo (insieme a Chad, John e qualche altro scalmanato amico del dipartimento di filosofia della scienza...Chad e John in foto con Chiara). E' stata una amica discreta nel senso che ci si vede quando si riesce ma un amica nel senso vero con la qual si discute, si va a sciare, e ci si confronta della politica italiana e non solo visto il cognome, Preti.

Sicuramente rimarremo in contatto ma il Farewell qui entra in gioco: le tempistiche saranno diverse, le vite saranno diverse, le città diverse. Finisce in pratica un periodo di vita anche se di solo qualche mese...i ricordi rimangono e l'affetto anche, e la bellezza di avere incontrato nel cammino un altra persona amica.

Detto questo oggi la festa è andata alla grande: palloncini, musica, tanto cibo e birra (la mia pizza è andata a gonfie vele grazie ai consigli di voi sapete chi) tante persone e tante risate ... un bel Farewell che si rispetti insomma !! E poi scambio di doni per liberare la camera di Chiara di quello che non si riporta in Italia.

Grazie

Lele

I was wondering about a farewell party…I don’t know how many real farewell party I lived in the past. Farewell means adios, addio “"Buon viaggio hermano querido e buon cammino ovunque tu vada, forse un giorno potremmo incontrarci di nuovo lungo la strada".(Here no translation please…) It doesn’t mean not to see a person anymore but a part of life together a person ends.

With Chiara is real farewell: she comes back in Italy, Rome, to live, to close a PhD and to start a stable relationship. She has been one of the first person met a Pittsburgh and with who start to build a group (with Chad, her landlord, John, and other nice guys at the Pitt, department of Science Philosophy...Chad and John in the photo). She is a nice friend, someone to meet when u are free, to argue with, to go to sky, to laugh together and to speak about politics.

Of course we will keep in contact in the future but the farewell is real: the schedale time will be differents, differnt lifes, different cities. A piece of life now ends even if very short ...memories and feeling will remain and the wonderfull stuff to have another friend on the way.

BTW, the party was really good with ballons, music, a bunch of food and beer (my pizza was not so bad, thanks to u know who ) a lot of nice cool people and a lot of fun...actually a real farewell !! E then we destroied Chiara’s room in order to help her not to exceed the maximum weight for the flight !!

Thank u Preti