sabato 23 agosto 2008

Capitolo XCV : Il Magee Hospital

Come promesso ecco a voi un bel post sull'esperienza hospital in Pittsburgh. Ho pensato che vi potesse interessare come abbiamo vissuto i giorni all'interno del Magee Hospital.
Una premessa fondamentale è che il Magee fa parte dell UPMC, University of Pittsburgh Medical Center, uno dei centri medici più belli e quotati d'America. Come dire, per Teresa e Fra abbiamo scelto il meglio.
Il Magee hospital, o il Magee hotel come a volte lo chiamavo io confondendomi, è una struttura bellissima, con una hall tutta vetrate e con un pianoforte che suona da solo per 24 di filata (che palle a volte!!!) e con un servizio di altissimo livello. Camere pulitissime, con colori pastello e nessun segno di degrado urbano.
Fra ha vissuto le ultime 12 ore di travaglio e il momento infinito del parto in una camera singola enorme, con bagno privato (che dopo aver ricevuto l'epidurale non ha potuto utilizzare) con televisione (99 canali), radio e divanetti per far dormire la persona d'appoggio, cioè io. Il letto era multifunzionale, da riposo pre parto a tavolo parto successivamente, a barella per essere trasportata nella stanza del recovery. Il soffitto si può aprire per far comparire super mega lampada e specchio enorme. Gli armadi hanno accolto Teresa per essere lavata, pesata, riscaldata nei primi istanti di vita. Tutta roba aaaprima.
La stanza del recovery, dove Fra ha riposato per le 48 ore successive, era piccola ma confortevole, con la possibilità di avere Teresa in una culla sempre con noi. Servizio "ristorante" in camera per 20 ore al giorno con una buona selezione...ovvio americana. Infermiere gentili, competenti e disponibili.....fin troppo presenti....guarda caso arrivavano a fare qualche controllo su Teresa quando dormiva ed era tranquilla, mai quando urlava. Guarda caso :)
La sicurezza è stato un elemento che ci ha stupito: Teresa aveva un braccialetto elettronico che avrebbe fatto scattare un allarme nel caso in cui fosse stato portata fuori da una certa zona. Quando capitava che ce la riportassero in camera ci chiedevano il numero del braccialetto che avevamo io e Fra per capire se i numeri combaciavano ....Per la serie Ospedale di massima sicurezza.
Detto questo nessuno, o quasi, orario di visite: dopotutto la camera è per te, se vuoi 20 persone o essere sola....beh dipende da te.

Ah, volete sapere il costo .....tutto gratuito. O che sbadato. Paghiamo la nostra brava assicurazione !!!

12 commenti:

camu ha detto...

Ottimo... se vengo da quelle parti almeno adesso so qualcosa in più ;)

Santiballor ha detto...

Dopo aver visto sicko e letto quello che hai scritto, sono sempre più convinto che l'America è un posto ben strano, almeno per noi europei.
Ancora auguri e baci alle donne
Jack

Anonimo ha detto...

Carissimi mamma e papà,
ke GIOIA leggere le prime ore di VITA. Grazie.
Un caro saluto dal Belgio e vi aspetto con Teresa nella mia prossima Terra.
Un abbraccio

Anja ha detto...

mumble... io credo di non voler sapere quanto pagate di assicurazione....

Emanuele Cauda ha detto...

Eccomi cari voi a rispondere ai vostri commenti.

Camu: se vieni a Pittsburgh e non avverti mi offendo ;)

Santi: l'america un posto strano.....noooooooooo ma figurati

Anonimo-bekkero. Dicci prima per dove dobbiamo prendere il biglietto aereo.

Anja, quella base base come assicurazione. Sicuramente un bel 1000 all'anno se ne vanno ma per il servizio fornito mi pare che sia ben speso. E' arrivata a casa la parcella per il parto (che ovviamente non paghiamo noi).....beh moltiplica per 10 quello che paghiamo in un anno.

nonsisamai ha detto...

che argomento difficile. anch'io penso che ne riscrivero' ora che purtroppo ho avuto qualche esperienza in piu'. anche per me la qualita' e' stata ottima. pulizia e professionalita' molto piu' alte che in italia. pero' anche un sacco di grane dopo. moltissime pratiche da sbrigare e dottori che chiamano direttamente la collection agency solo perche' hanno trascritto male il tuo nome e l'assicurazione non ha pagato subito. tanta disumanita'. e non importa avere una buona assicurazione, si capisce benissimo che la cosa che gli interessa di piu' sono i soldi, non la salute. figurati che a una mia cara amica quei 10000 dollari sono stati chiesti 10 minuti dopo il parto.
mi associo al commentatore che notava la stranezza di questo paese.

Emanuele Cauda ha detto...

Nonsi, non per fare il polemico rispetto la nostra nazione. Ma se parliamo di disumanita' ed attaccamento al soldo, non mi pare che in Italia si stia meglio.....la i soldi non li prendono e per questo il servizio e' pietoso.
E le grane successive, con la nostra italica burocrazia te la raccomando.
Detto questo ovviamente c'e' anche qui il nostro bel downside: per esempio io sono due anni che pago la sopracitata cifra ma non ho mai visto mezzo dottore e non intendo vederli, incrociando le dita. :))

Emanuele Cauda ha detto...

Nonsi, non per fare il polemico rispetto la nostra nazione. Ma se parliamo di disumanita' ed attaccamento al soldo, non mi pare che in Italia si stia meglio.....la i soldi non li prendono e per questo il servizio e' pietoso.
E le grane successive, con la nostra italica burocrazia te la raccomando.
Detto questo ovviamente c'e' anche qui il nostro bel downside: per esempio io sono due anni che pago la sopracitata cifra ma non ho mai visto mezzo dottore e non intendo vederli, incrociando le dita. :))

Elisa ha detto...

Non entro nel merito delle contraddizioni di Italia e Usa..volevo solo dirvi che io e Enri abbiamo saputo solo stasera della fantastica notizia e che in vacanza ci chiedevamo come steste...vi abbiamo pensato e non sapevamo se immaginarvi gi� genitori!
Siamo veramente contenti e commossi per la vostra piccola Teresa che speriamo davvero di conoscere al pi� presto!
Vi abbracciamo forte..
a presto
Elisa e Enrico

Anonimo ha detto...

Innanzitutto: CONGRATULAZIONI!!!Abbiamo scoperto per caso il blog e siamo felicissimi per le novità!!!Ora...vediamo se ti ricordi di noi: Ceriale, tante estati in compagnia!
Un abbraccio fortissimo a tutti, in particolare a Teresa!

Maria Chiara, Rocco, Beatrice

Emanuele Cauda ha detto...

GRazie mille a Elisa e Enrico ;)

MariaChiara ?!?!?! Questa è una di quelle sorprese da faziomba che sorpresa. Che bello trovarvi. Certo che mi ricordo di voi, oggi pomeriggio durante il mio pisolino mi sono sognato tanto Ceriale. Come state ?? Beatrice...mmm mica va gia all'università ?? Senno mi sento vecchissimo.
MA sapete chi si sposa a fine Settembre ??
Fatevi sentire !!!

Anonimo ha detto...

con molto ritardo anch'io rispondo a questo blog!!!!!!maria chiara carissima, che bello risentirti insieme a rocco e beatrice!!come state?ma come avete fatto a trovare il blog di lele?ma non passate più a ceriale?noi un saltino a ceriale si fa sempre!!!soprattutto questa estate in vista di un matrimonio a settembre,con bisogno quindi di risparmiare un pò!!!!sentiamoci!!!!!!un bacio

Vally